Piano sequenza: l’Arca russa di Aleksandr Sokurov

Scritto da Silvio Laccetti

Maggio 14, 2020

Nelle scorse settimane abbiamo approfondito il concetto di spazio (i campi e i piani) e tempo. Proprio per questo oggi volevo riprendere il concetto di tempo e le nozioni espresse precedentemente per analizzare un caso particolare, quello del PIANO SEQUENZA.

Per farlo ho scelto il film L’arca russa di Aleksandr Sokurov (2001).

Se non lo avete visto vi consiglio assolutamente di farlo il prima possibile. E’ uno degli esempi più incredibili di come realizzare un film interamente in piano sequenza è possibile ma serve certamente una macchina organizzativa e produttiva importante.

A differenza di molti altri esempi (dove dei long take vengono fatti passare per piani sequenza come nel caso di Birdman e 1917 per esempio attraverso tagli nascosti) quest’opera è stata girata realmente in piano sequenza.

Sono entrati in scena contemporaneamente, dopo mesi di prove, 867 attori, 3 orchestre, 22 assistenti alla regia e una colossale troupe tecnica. Hanno utilizzato una videocamera digitale (Sony HDW-F900) realizzata appositamente e montata su una steadicam.

Ci sono voluti 4 take e l’ultimo, di 90 minuti, è stato quello definitivo utilizzato poi nel film.

Il focus di oggi, però, non è tanto sull’aspetto produttivo del film ma sulla sua gestione del tempo.

L’opera di Sokurov infatti è un esempio straordinario di come è possibile gestire diversamente il tempo della storia e il tempo del racconto.

Nel film il tempo della storia percorre un arco temporale che va dal turbolento passato della Russia ai giorni nostri (3 secoli).

Il tempo del racconto è quello di unico piano sequenza e quindi dei 90 minuti di film.

L’eccezionalità di questa gestione del tempo sta proprio nel fatto di riuscire a realizzare elissi temporali e salti nel tempo senza l’utilizzo di tagli o dissolvenze ma attraverso le lunghe camminate nei corridoi e nelle stanze del Palazzo dell’Hermitage a San Pietroburgo.

Se dal punto di vista di linguaggio si è scelto il piano sequenza, dal punto di vista narrativo, attraverso l’escamotage onirico, viaggiamo nel tempo senza accorgercene.

Un esempio incredibile di come un filmmaker possa giocare con la variabile tempo e costruirla come meglio crede.

Live Review: il tuo video analizzato in diretta

Live Review: il tuo video analizzato in diretta Hai realizzato un Video e vorresti avere dei...

Come realizzare uno Showreel in Motion Graphics (LIVE)

Come realizzare uno Showreel in Motion Graphics (LIVE) Stai pensando di realizzare uno showreel...

Creativi oltre il silenzio: la storia di Fabrizio Alessi

Creativi oltre il silenzio: la storia di Fabrizio AlessiFacciamo parte tutti di una storia...

Come scrivere e realizzare uno Spot Televisivo (LIVE)

Come scrivere e realizzare uno Spot Televisivo (LIVE) Lunedì 29 aprile alle 19:00 nuovo...

Vita da Marketer: la storia di Alberto Ghianni

Vita da Marketer: la storia di Alberto GhianniFacciamo parte tutti di una storia infinita e siamo...

Gianmarco Capri ospite di The Founder

Gianmarco Capri ospite di The Founder  Questo pomeriggio alle ore 16:00 Gianmarco Capri sarà...

Live Review: il tuo Video analizzato in diretta

Live Review: il tuo video analizzato in diretta   Torna l'appuntamento con le nostre Live e...

Parliamone su Clubhouse

Parliamone su ClubhouseSei già entrato su Clubhouse? Siamo arrivati anche noi! La community di...

Il mondo mirrorless: Sony, Panasonic e Canon (LIVE)

Il mondo mirrorless: Sony, Panasonic e Canon (LIVE)                                              ...

Lavorare in Produzione per Cinema e Serie Tv

Lavorare in Produzione per Cinema e Serie Tv Torna l'appuntamento con le nostre Live e questa...

Cosa Aspetti? Montalo!

Entra nella Community per accedere alle risorse gratuite sul montaggio!

 

Cosa Aspetti? Montalo!

 

Articoli recenti

Arancia Meccanica torna al cinema 50 anni dopo

Arancia Meccanica torna al cinema 50 anni dopo

Arancia Meccanica torna al cinema 50 anni dopo È passato mezzo secolo da quando, il 19 dicembre del 1971, arrivava nelle sale americane Arancia Meccanica, capolavoro di Stanley Kubrick pietra miliare della storia del cinema. Proprio per festeggiare al meglio il 50°...

Pensiero creativo: ecco come svilupparlo

Pensiero creativo: ecco come svilupparlo

Pensiero creativo: ecco come svilupparloNel mondo ci sono milioni di persone che ogni giorno scommettono sul proprio talento e riescono a vivere delle proprie passioni. Sono dei sognatori, dei creativi, delle persone che si emozionano raccontando storie, producendo...

Black Friday: consigli contro gli acquisti inutili

Black Friday: consigli contro gli acquisti inutili

Black Friday: consigli contro gli acquisti inutiliIl Black Friday è ormai alle porte (scopri le nostre promozioni) e moltissimi creator sono pronti a mettere mano al portafoglio. Il rischio di acquistare materiale e attrezzatura inutile è grande quindi fai molta...