La docu-serie firmata Montalo Production

Immagina di lasciare tutto e di viaggiare in giro per il mondo senza un piano e una meta da raggiungere, semplicemente vivendo l’avventura del viaggio nel vero e antico significato.

È quello che ha deciso di fare Fabrizio Rienzi, filmmaker e docente di videomaking della Montalo Academy partito a metà dicembre 2022 da Roma verso Bangkok.

Il viaggio che sognava di fare da una vita e che lo vedrà girare il mondo con la sua videocamera per realizzare una serie di documentari e raccontare chi come lui ha scelto di lasciare tutto per vivere diversamente.

Da qui l’idea di realizzare la prima stagione di una vera e propria docu-serie a puntate dal titolo The Landmark (il punto di svolta). La serie sarà diretta dal regista Silvio Laccetti e prodotta dalla Montalo Production.

Ma non sarà semplice portare a termine questa sfida essendo The Landmark un progetto sperimentale, realizzato a basso budget e senza l’ausilio di una troupe vera e propria. Infatti sarà proprio il protagonista della serie Fabrizio Rienzi ad occuparsi interamente della realizzazione delle immagini che poi verranno utilizzare per raccontare questo folle viaggio.

Un lavoro dunque povero nei mezzi ma ricco per quanto concerne l’aspetto creativo, gestito completamente a distanza di migliaia di chilometri dal team della Montalo Production.

A tal proposito è stata lanciata una campagna di crowdfunding con l’obiettivo di raggiungere la quota di 5000 euro  (entro l’11 marzo 2023) che sarà destinata a coprire parte delle spese di viaggio per proseguire quest’avventura. Tale cifra non coprirà il budget integrale del progetto ma permetterà a Fabrizio di spingersi oltre e non dover tornare indietro.

Ogni euro a supporto del progetto mi permetterà di percorrere un chilometro in più. 

Resoconto di viaggio Parte I: la Thailandia

Il 31 gennaio 2023 Fabrizio ha ufficialmente superato il confine e ora è in Malesia. In questi primi quaranta giorni di viaggio ha percorso la Thailandia da nord a sud, da est a ovest, utilizzando solo mezzi pubblici cercando di spendere il meno possibile e di vivere questo Paese non da turista ma da vero avventuriero.

Quello che trovate di seguito è un piccolo resoconto fatto di pensieri e immagini di tutti gli spostamenti, luoghi visitati ed esperienze vissute in sintesi. Il resto lo vedrete nella docu-serie The Landmark (prima stagione).

 

“Abbiamo due vite. La seconda inizia quando ti accorgi di averne solo una” (Confucio)

Lascio Roma direzione Bangkok senza aspettarmi nulla da questo viaggio se non la consapevolezza che sarà una grande avventura. Non ho pianificato nulla e con me ho solo uno zaino: 2 magliette, 5 mutande, un paio di pantaloncini e scarpe, una giacca. Il resto della borsa è dedicata a camera, obiettivi, cavalletto e computer. Il mio viaggio inizia ora.

Bangkok (22 dicembre 2022)

Ho trascorso due giorni nel “Campidoglio” della Thailandia. Bangkok è una città così incredibile con tutti i suoi diversi quartieri. Tuttavia, non vedevo davvero l’ora di lasciare la città e prendere un treno per il nord della Thailandia. È stata una bella esperienza. Un sacco di bei posti e alcune persone davvero amichevoli. Ad ogni modo, immagino davvero che questo paese abbia molto da offrire e sono abbastanza sicuro che lo troverò lontano dalle grandi città.

Chiang Mai (23 dicembre 2022)

È stato probabilmente il primo passo verso il vero viaggio. Dopo una lunga notte in treno sono arrivato in un posto davvero bello. Penso che sia stata la prima volta qui in Thailandia che ho avuto modo di apprezzare i thailandesi.

Una popolazione incredibilmente, gentile ed educata, sempre pronta ad aiutarti e a rendere il tuo soggiorno il più confortevole possibile. La parte migliore è che non si tratta solo di persone coinvolte nel turismo ma è qualcosa che tutti qui sembrano avere dentro.

Ho trascorso poco meno di una settimana e penso già di avere molto da imparare da questa incredibile popolazione su come vivere la vita.

Elephant Sanctuary (24 dicembre)

Non sono ancora sicuro se devo considerare questa una vittoria o una sconfitta. Non sono liberi nella natura ed è questo che mi rattrista un po’. Vivono in un’area protetta, più o meno grande.

Hanno una bella vita, mangiano tutto il giorno, le persone possono dar loro da mangiare e hanno il loro tempo per andare in acqua e divertirsi. La parte negativa è che, anche se non sono in uno zoo, hanno solo un’area limitata dove sono liberi di andare.

La parte migliore, invece, è che qui al nord è vietato cavalcarli in quanto considerato poco salutare e stressante per l’animale.

Ban Khun Klang Mai (24 dicembre)

Un’ escursione nella giungla dove abbiamo imparato i benefici di alcune piante usate come medicinali qui in Thailandia. Fino alla cascata, da un lato all’altro delle piantagioni di caffè.

Ho visitato un piccolo villaggio, dove abbiamo avuto l’opportunità di provare del tè locale e il caffè del posto. Questo è stato il mio primo caffè qui in Tailandia e devo dire che non è stato affatto male.

Pai (26 dicembre)

Il punto nord-occidentale della Thailandia. Non avevo mai ascoltato nulla di questo posto e nessuno me ne ha mai parlato. Sono arrivato qui senza aspettative e senza una reale idea di cosa avrei trovato.

Non mi ci è voluto molto per capire che il posto era davvero magico. C’era qualcosa di molto diverso e posso dire che sono riuscito a sentirle nell’aria queste vibrazioni positive.

Questo posto è proprio nel mezzo di altri scenari incredibili come il fiume, la cascata e la coltivazione del riso. Per un prezzo davvero irrisorio si può noleggiare uno scooter per andare in giro durante il soggiorno e goderselo al massimo.

Ora è il momento per me di colpire di nuovo il sud in un nuovo viaggio di 11 ore. È stato un piacere conoscerti, Pai. Spero di trovare più vibrazioni del genere durante il mio soggiorno qui in Tailandia.

Phitsanulok (28 dicembre)

Possiamo considerare questo come il primo posto non turistico in questo viaggio. A dire il vero, potrei anche dire di non aver conosciuto nessuno straniero oltre me.

Questo mi ha dato la possibilità di capire un po’ di più su come i thailandesi vivono davvero nel loro paese. Ho avuto la possibilità di passare una giornata in giro con qualcuno del posto che mi ha fatto assaggiare cibi diversi e mi ha spiegato un po’ di più su questa cultura.

Mueang Kao (30 dicembre)

Semplicemente incredibile. Qualcuno del posto mi ha detto che questo posto è considerato la Roma della Thailandia e posso capire perfettamente perché.

Devo dire che è stato abbastanza difficile raggiungerlo perché di solito è fuori dagli itinerari turistici ma ne è valsa assolutamente la pena.

Bangkok (31 dicembre)

Torno a Bangkok per il capodanno. Sapevo che sarebbe stato impegnativo ma non mi sarei mai aspettato una cosa del genere.

In alcuni punti della città era abbastanza difficile camminare. Ho passato la notte in due posti diversi ed erano uno più affollato dell’altro. Comunque è stata una bella esperienza. Anche perché alla fine il mio unico piano per quella notte era capire come festeggiano qui.

Un paio di giorni per esplorare alcuni punti mancanti, per pianificare ed eccoci qui, su un nuovo viaggio in autobus. È arrivato il momento di trasferirmi a Kanchanaburi, dove mi aspetto di trovare qualche posto naturale davvero carino e di uscire dalla frenetica vita cittadina.

Phra Nakhon Si Ayutthaya (2 gennaio)

Gita di un giorno in una delle antiche capitali della Thailandia. Un’intera giornata trascorsa a passeggiare tra tutti i luoghi famosi che questo posto ha da offrire. Uno dei migliori giorni trascorsi fino ad ora, con un bel tempo e alcuni contenuti incredibili per il nostro progetto The Landmark.

Kanchanaburi (5 gennaio)

Qualche giorno nella zona di Kanchanaburi. Direi che è solo una città normale, niente di veramente speciale da visitare qui se non per i posti nelle zone circostanti.

Prima tappa Erawan National Park con la sua cascata a sette strati. Un bel posto da visitare per scattare delle belle foto per il nostro progetto.

Seconda fermata Passaggio Halffire. È qualcosa di piuttosto interessante legato alla storia. Un famoso punto in montagna dove hanno dovuto tagliare un pezzo di montagna per far entrare il treno durante la guerra.

Ko Tao (10 gennaio)

Direi che è davvero un bel posto ma è troppo turistico. Dopo questo passaggio probabilmente considererò di costruire il mio prossimo itinerario in modo diverso. Tutti sembrano essere qui per festeggiare ma sfortunatamente non è nel mio interesse.

Ko Pha-ngan (13 gennaio)

Ogni volta che aggiungo un nuovo passaggio, mi rendo conto di avere sempre meno foto del luogo.

Ad ogni modo Ko Phangan è stata un’esperienza davvero veloce ma piacevole. Penso che quest’isola abbia un buon equilibrio tra feste estreme ed estrema quiete e probabilmente questo è ciò che lo rende un posto perfetto, secondo me.

Oltre a questo, ho avuto la possibilità di incontrare persone davvero simpatiche qui e ascoltare la loro storia. Lascio quest’isola con tanti bei ricordi e belle sensazioni, ma soprattutto lascio l’isola con delle riprese davvero fantastiche per il nostro progetto!

Ko Samui (14 gennaio)

Felice di aver incontrato un amico sull’isola! È stato un grande momento.

Anche se a mio parere Kho Samui non è stata la migliore di queste isole, ho avuto la possibilità di esplorare alcuni posti davvero fantastici, tuffarmi nella cascata e fare degli shot con il drone davvero fantastici per il nostro progetto!

Khao Sok (18 gennaio)

Non sono davvero sicuro del perché, ma posso assolutamente dire che amo i laghi molto più degli oceani.

Non solo il lago qui, ma anche le montagne erano assolutamente incredibili.

Anche se ho dovuto, più che voluto, ho avuto la possibilità di dormire in tenda, circondato da alberi e natura.

Era da tempo che non dormivo così bene e mi sono svegliato rilassato e in pace. Immagino che la natura abbia la sua energia per influenzarti in qualche modo.

La provincia di Khao Sok sarà sicuramente uno dei miei posti migliori qui in Thailandia.

Railay (20 gennaio)

Il tempo non era dei migliori ma il posto davvero carino. Sono dovuto andare su e giù per la collina, il che è stato abbastanza divertente e ho incontrato scalatori ovunque.

Phuket (21 gennaio)

Vorrei che considerassimo anche con chi stiamo parlando quando ascoltiamo qualcosa. Ho molte considerazioni su Phuket. Alcuni dicono che è stato fantastico, altri dicono di non andare perché “È una perdita di tempo”.

Dopotutto non può essere tutto fantastico e trovare posti che non ti piacciono molto fa parte del viaggio.

Ton Sai (24 gennaio)

Ho avuto la possibilità di realizzare alcune delle più belle riprese con i droni della mia vita in un posto così straordinario.

Inoltre ho avuto la possibilità di liberare completamente la mia mente in base alla situazione.

Eravamo io e altre due persone in kayak verso una piccola baia a 2,5 km di distanza. Siamo arrivati ​​lì per fare alcune riprese della spiaggia e riprese con il drone in kayak.

Solo pochi minuti dopo il nostro arrivo, siamo stati travolti da una tempesta e quello è stato il momento migliore qui in Thailandia finora!

Non abbiamo avuto la possibilità di girare nulla. Eravamo sulla spiaggia, con l’oceano davanti a noi, con una pioggia fitta.

In quel momento non c’era motivo di pensare a cosa filmare, poi è successo qualcosa.

Sono riuscito a pensare solo al qui e ora. È stato come meditare nel posto più potente del mondo. Circondati dalla natura e con un’incredibile quantità di energia intorno a noi.

Devo dire che è stato tutto molto sicuro, siamo anche tornati sotto la pioggia ed è stata una bella esperienza. Vorrei vivere esperienze come questa d’ora in poi.

Grazie Thailandia, è stato un momento così profondo!

Bene, alla fine abbiamo anche ottenuto le nostre immagini di baia e kayak!

Kho Lanta (25 gennaio)

Un posto dove non si doveva fare niente. Ho davvero avuto la possibilità di riposarmi un po’ qui e lavorare su quello che deve ancora venire.

Gente simpatica e un posto incredibile per resettare la mente. Sarebbe stato bello rimanere più a lungo ma pazienza.

Hat Yai (29 gennaio)

Ultimo passo prima di superare il confine. La parte tailandese di questo viaggio è finita.

Devo dire che la Thailandia per è stata davvero incredibile. Come ogni luogo, ha i suoi pro e i suoi contro, ma il male non era nemmeno lontanamente paragonabile a tutto il bene che questo paese ha da offrire.

Preferisco il nord molto più che stare al sud. Entrambi sono fantastici ma secondo me il nord del paese ha molto di più da offrire in termini di emozioni. La natura è così bella e hai molte più possibilità di capire la cultura e come vivono davvero rispetto al sud.

In ogni caso, il sud ha ancora tanto da offrire. Incredibile spiaggia tutt’intorno, paesaggi pazzi e un incredibile oceano con vita marina. Come puoi trovare nelle isole di Phi Phi, Phi Phi Lee, Lanta e così via.

Ultimo ma non meno importante, le persone. I thailandesi sono così gentili con gli altri. Sono sempre pronti ad aiutarti e a darti tutti i consigli di cui potresti aver bisogno.

Tutti sono così educati e sorridenti che all’inizio quasi non ti sembra vero.

Questi 40 giorni mi hanno dato tanto. Mi fanno capire quanto sia importante trattare le persone in modo educato perché è qualcosa che ti torna sempre in mente in modo più grande.

È ora di passare avanti!

31 gennaio

Fabrizio ha ufficialmente superato il confine e ora è in Malesia.

Premiere Pro: 10 dritte che devi conoscere

10 trucchi per Premiere Pro Oggi ti insegnerò 10 dritte per Premiere che devi per forza conoscere,...

Come girare video cinematografici con i Mist Filter

Il segreto dei Mist Filter Dimmi la verità: hai voglia di realizzare video realmente...

Come creare il Camera Shake per i tuoi Video

Camera Shake per i tuoi Video Siamo pronti per rendere questa settimana molto più interessante...

Come trasformare Casa in un set per Video

Trasformo Casa per i miei Video Se sei un Video Creator ti sarà capitato spesso di girare video in...

Premiere Pro 2022: tutte le novità (Part.II)

Il nuovo aggiornamento di Adobe Premiere Pro 2022 Un po’ di tempo fa abbiamo parlato delle novità...

Come girare Video Cinematografici al Tramonto

Come sfruttare la Golden Hour Vuoi girare video cinematografici? Perfetto, gira al tramonto. La...

Come usare Filtri ND per i tuoi Video cinematografici

Perchè è importante utilizzare i Filtri ND per i tuoi Video A cosa ci si riferisce quando si parla...

Come montare Video in automatico

Montare Video in automatico con Premiere Pro Io ti conosco: il tuo sogno è sederti davanti al...

Come avere una voce perfetta con Premiere Pro

Gestire una voce su un video con Premiere Pro Quante volte ti sarà capitato di riascoltare l’audio...

Transizioni Ep.6: Picture Transition con Premiere Pro

Come creare la Picture Rip Paper Transition con Premiere Pro Hai mai sentito parlare della Picture...

Cosa Aspetti? Montalo!

Entra nella Community per accedere alle risorse gratuite sul montaggio!

 

Cosa Aspetti? Montalo!

 

Articoli recenti

Universal Music vs TikTok: il futuro della musica sui social

Universal Music vs TikTok: il futuro della musica sui social

Introduzione Il mondo della musica e dei social media si scontrano in una disputa che potrebbe cambiare il panorama dell'intrattenimento online e anche quello dei contenuti video. Universal Music Group (UMG), una delle più grandi etichette discografiche al mondo, ha...

Bella Baxter, l’anti-principessa che volevamo vedere al cinema

Bella Baxter, l’anti-principessa che volevamo vedere al cinema

Introduzione Se hai avuto la fortuna di goderti al cinema "Povere Creature" di Yorgos Lanthimos, la figura di Bella Baxter sicuramente ti avrà conquistato. Un anti-eroina o anti-principessa (a seconda dei punti di vista) che affronta sfide e ostacoli con...

Come combattere il fenomeno dello Stop Scrolling

Come combattere il fenomeno dello Stop Scrolling

Introduzione ai Video UGC Nell'era digitale in cui siamo immersi gli utenti sono costantemente bombardati da un flusso infinito di contenuti sui social media. Lo "stop scrolling", l'atto di fermarsi a scorrere sul feed, è diventato un fenomeno comune che presenta una...