Prerequisiti del videomaking: il Frame Rate

Scritto da Fabrizio Rienzi

Scritto da Fabrizio Rienzi

Settembre 8, 2021

 

Il termine Videomaking parla chiaro: colui che fa video. Abbiamo già visto in uno dei precedenti articoli cosa significa realizzare video oggi. Abbiamo anche parlato della differenza tra essere un filmmaker ed essere un videomaker.

Ma quali sono invece gli argomenti e le nozioni basilari sulle quali un Videomaker deve muoversi con assoluta padronanza? Ad un livello base, quindi per iniziare, potremmo dividerli in due diverse macro aree:

 

1) I prerequisiti

2) La Grammatica

 

Questa suddivisione lascia il tempo che trova. È solo un modo più semplice per gestire le informazioni basilari e dare un ordine a questa operazione. I prerequisiti sono tutti quei concetti senza i quali comprendere l’immagine video è impossibile.

Sono concetti per certi versi complessi se spiegati nella maniera sbagliata. Io cercherò di renderteli il più semplice possibili.

LEGGI anche Tutto quello che devi sapere della tua videocamera

IL FRAME RATE

Partiamo dal primo concetto: il frame rate. È il numero di fotogrammi per ogni secondo del tuo video, espressi in fps ossia la frequenza con la quale i fotogrammi appaiono sullo schermo al secondo, frames per second, appunto.

La scelta di alcuni valori di riferimento dipende totalmente dalla percezione dell’occhio umano che fino a 10 /12 immagini al secondo riesce a processarle separatamente.

Quando il numero sale tutto diventa fluido. È il principio dei disegni su singoli fogli che una volta fatti scorrere sembrano animarsi.

Ai tempi del Cinema muto il frame rate era compreso tra 16 e 24 frames ma nessuno li proiettava sempre allo stesso modo, con l’avvento del suono l’industria scelse il 24 fps come standard.

Parliamo del 1927 e da quel momento questo è rimasto il valore standard per le proiezioni cinematografiche. Ci sono anche altri valori molto comuni e per comprenderli dobbiamo tornare anche in questo caso nel passato.

Entrambi infatti sono legati allo sviluppo della televisione e alla frequenza elettrica con la quale veniva trasmessa nei diversi paesi ossia 50Hz, ovvero il sistema PAL come in Europa, e il 60Hz utilizzato negli USA. Nacque così il 50 e il 60 e successivamente con l’avvento del digitale il 25 e il 30, entrambi utilizzati in sistemi televisivi rispettivamente PAL e NTSC.

Questa è solo una delle nozioni fondamentali riguardo i prerequisiti del videomaking. È importante che tu conosca anche cosa intendiamo quando facciamo riferimento all’Aspect Ratio, la Scansione dell’immagine, la Risoluzione e altri concetti alla base di quest’attività.

 

 

Vuoi diventare un vero Videomaker?

Scopri di più sui corsi della nostra Academy (clicca qui)

Cosa Aspetti? Montalo!

Entra nella Community per accedere alle risorse gratuite sul montaggio!

 

Accedi al corso Videomaking Mastery

Cosa Aspetti? Montalo!

 

Articoli recenti

Universal Music vs TikTok: il futuro della musica sui social

Universal Music vs TikTok: il futuro della musica sui social

Introduzione Il mondo della musica e dei social media si scontrano in una disputa che potrebbe cambiare il panorama dell'intrattenimento online e anche quello dei contenuti video. Universal Music Group (UMG), una delle più grandi etichette discografiche al mondo, ha...

Bella Baxter, l’anti-principessa che volevamo vedere al cinema

Bella Baxter, l’anti-principessa che volevamo vedere al cinema

Introduzione Se hai avuto la fortuna di goderti al cinema "Povere Creature" di Yorgos Lanthimos, la figura di Bella Baxter sicuramente ti avrà conquistato. Un anti-eroina o anti-principessa (a seconda dei punti di vista) che affronta sfide e ostacoli con...

Come combattere il fenomeno dello Stop Scrolling

Come combattere il fenomeno dello Stop Scrolling

Introduzione ai Video UGC Nell'era digitale in cui siamo immersi gli utenti sono costantemente bombardati da un flusso infinito di contenuti sui social media. Lo "stop scrolling", l'atto di fermarsi a scorrere sul feed, è diventato un fenomeno comune che presenta una...